feb 252019
 

Mercoledì 20 febbraio u.s. tutte le OO.SS. sono state convocate ad un incontro con il Sottosegretario Sen. Candiani e con il nuovo Capo Dipartimento Pref. Mulas.
In realtà, non era stato indicato un O.d.G., lasciando liberi i presenti di presentare le tematiche che ritenessero prioritarie da evidenziare e discutere.
D’altra parte anche il Sottosegretario ha voluto cogliere l’occasione per puntualizzare alcune sue posizioni e dichiarazioni che, recentemente, erano state oggetto di forti contestazioni.
In particolare Egli ha fermamente dichiarato che la posizione politica è di difesa del Corpo Nazionale, la cui forza è proprio nella uniformità di servizio e di standard qualitativi resi al cittadino in ogni parte del Paese. Stessa cosa dicasi per i VVF Volontari, una fondamentale risorsa incardinata nel Corpo Nazionale.

Per quanto ci riguarda, il nostro intervento ha riguardato i punti che seguono.

  1. Abbiamo richiesto che venga istituito quanto prima l’Osservatorio Tecnico proposto in più occasioni dal Capo del Corpo, che riteniamo possa essere uno strumento efficace di dialogo e confronto per il futuro del Corpo. Vi sono tanti argomenti che aspettano di essere discussi:
    • Sarebbe utile analizzare, a distanza di 5 anni, alcune scelte fatte nel 2014 ed i relativi risultati. Sarebbe opportuno analizzare la dislocazione delle risorse specialistiche e specializzate (porti, aeroporti, NBCR, USAR, Sommozzatori, attività internazionali ecc… ) il loro impiego e dislocazione strategica nel territorio e valutare una loro possibile ottimizzazione…. perché molte cose sono cambiate, alcune attività nel 2014 neanche esistevano o non si dava loro il peso che oggi hanno acquisito.
    • Discutere ed operare una analisi strategica della dislocazione delle sedi del CNVVF nel territorio, che deve rispondere sicuramente ai seguenti parametri: spese contenute, velocità dei soccorsi, calibrare il meccanismo di soccorso all’indice di rischio territoriale. Valutare anche l’opportunità di adottare differenti tipologie di distaccamenti volontari, a seconda delle tipologie di interventi che possano caratterizzare un territorio, per cui potremmo avere ad esempio in alcune zone distaccamenti di volontari AIB, piuttosto che di altra natura. Ricordiamo comunque che il contingente di vigili del fuoco volontari è gestito dai comandi competenti, per cui ad una qualsiasi loro rivalutazione deve corrispondere una struttura di gestione,  del Comando adeguata.
    • Più in generale, in merito al mondo dei volontari di protezione civile, ci aspettiamo di aprire una discussione fondamentale al fine di ottemperare al meglio all’art. 10 comma 1 del Codice di P.C., che attribuisce al Corpo Nazionale nella prima fase di soccorso il coordinamento delle eventuali altre componenti presenti in scenario emergenziale post calamità. Per poter coordinare tali risorse, dobbiamo conoscerle, metterci d’accordo in tempo di pace su modalità, linguaggio, ecc… Senza nulla togliere alle competenze di formazione attribuite alle Regioni, dobbiamo però esercitare le nostre competenze pretendendo una qualche forma di accreditamento da parte nostra, piuttosto che protocolli di intesa che dettino requisiti e regole alle tantissime organizzazioni che, nel momento più delicato in cui si devono salvare vite, devono essere una risorsa e non un problema aggiuntivo per noi!
  2. Siamo in un momento di transizione… con un decreto di riordino del CNVVF di cui attendiamo i decreti attuativi. Abbiamo anticipato che invieremo un appunto riguardante le criticità e le risoluzioni per noi imprescindibili: ci aspettiamo una chiara definizione e distinguo dei ruoli, nette sovraordinazioni nella catena di comando, in base ai livelli di responsabilità attribuite, e attribuibili per legge, a seconda delle competenze professionali. Infatti, a differenza di quanto fatto per TUTTI gli altri (logistico gestionali, informatici, tecnico scientifici…), nei ruoli operativi è stato istituito il nuovo ruolo dei direttivi aggiunti che fluttua nell’aria e, se è chiaro il livello professionale richiesto, intermedio tra ispettori e direttivi,  non è stato esplicitato, come invece viene fatto nel resto dell’articolato per tutti gli altri ruoli, il loro inserimento nella catena di comando. Ora, ricordando che i direttivi e dirigenti sono ruoli con laurea magistrale – ed ai direttivi e dirigenti operativi è richiesta anche l’abilitazione  professionale – proprio in virtù di funzioni e compiti che, per legge, richiedono certi titoli e requisiti, ricondando che tali compiti sono svolti a responsabilità diretta, ci aspettiamo che la catena di comando rispetti chiaramente queste responsabilità e competenze. Inoltre, ci aspettiamo che ad ogni direttivo sia attribuito un posto funzione, che è come dire che l’Amministrazione, e lo Stato, sono giustificati ad investire per assumere direttivi, ingegneri, architetti, avvocati, ecc… solo quando si ha un posto funzione da ricoprire. Viceversa, per ogni altro compito di coordinamento abbiamo i ruoli con profili professionali inferiori. Ed infine, ovviamente ci aspettiamo che, a livelli di responsabilità crescente corrispondano adeguate retribuzioni crescenti, a differenza di quanto avviene oggi, dove non c’è alcun distinguo tra ispettori
  3. Attendiamo infine l’esito delle intenzioni espresse in più occasioni da parte del signor SottoSegretario relativamente ad una nuova delega da parte del governo, a cui seguirebbero adeguati fondi in legge di bilancio 2019, finalizzata all’equiparazione economica e previdenziale con le altre forze di polizia.

Sarà nostra cura inviarvi la nota, relativa ai decreti attuativi del riordino, non appena inviata.
Cordiali saluti.

La segreteria.

Genera PDF pf-pdf-icon

nov 302018
 

Pubblichiamo la lettera inviata alle OOSS dei Vigili del Fuoco con cui chiediamo di condividere i motivi per chiedere un incontro urgente con il Ministro dell’Interno.

La Segreteria

2018_1130_Invito-ooss

Decreto Legge Sicurezza

Commento al Decreto

Genera PDF pf-pdf-icon

set 062018
 

Come noto il 5 settembre si è tenuta l’Audizione alla Commissione Affari Costituzionali della Camera, ed il SinDir è stato rappresentato dai colleghi Vincenzo Bennardo, Maria Elena Cilli e Valentina Nocente.

Nel ringraziare i colleghi che hanno rappresentato il SinDir in udienza e soprattutto tutti coloro che hanno contribuito ad  individuare i contenuti che, nei 5 minuti concessi, abbiamo accennato, si riporta di seguito il testo che è stato pronunciato.

Il Sindacato SINDIR è rappresentativo del comparto direttivi e dirigenti tecnici del Corpo Nazionale.E, prima di entrare nel merito dell’argomento, mi preme raccontare cosa facciamo. Nel Corpo siamo circa 680 ingegneri ed architetti.

Abbiamo il compito di coordinamento, comando e organizzazione del soccorso, scelta di mezzi, attrezzature e procedure.Operiamo quotidianamente controlli per la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro, e attività a rischio incidente rilevante, come le raffinerie di petrolio, …

A noi spetta la gestione del soccorso complesso, dissesti o crolli, alluvioni, calamità, emergenze di protezione civile.Nel ponte di Genova hanno coordinato tutte le operazioni di soccorso 4 dirigenti e 5 direttivi. Ma potrei parlare di L’Aquila, Amatrice, Norcia, Rigopiano…

Siamo ingegneri e architetti vigili del fuoco ai quali lo Stato affida, nei momenti di maggiore criticità, nelle calamità, la propria immagine di efficienza e di efficacia… ed attenzione, della risposta dello Stato, ne rispondiamo noi!  Personalmente!

L’art. 36 della Costituzione Italiana stabilisce che ogni lavoratore deve avere una retribuzione proporzionata alla qualità del suo lavoro. Ed il Parlamento ha stabilito la retribuzione che ci spetta.

Infatti la Legge n. 183 del 2010 equipara il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco alle altre forze di polizia, dicendo in modo chiaro che abbiamo pari professionalità, pari efficienza operativa, e anche pari retribuzione!

Finalmente la legge Madia, nell’art. 8 detta gli obiettivi di riordino, richiama la Legge 183 ed eroga le risorse utili per darci questa retribuzione, e sanare la sperequazione che tutto il Corpo Nazionale ad ogni livello soffre con i pari grado delle forze di polizia.

Sperequazione così grave che anche nel contratto di governo al punto 23 c’è l’impegno di adeguare le nostre retribuzioni.

Il Parlamento italiano si è espresso in modo cristallino.

La nostra Amministrazione, con il D.Lgs. 97/2017 e con questo oggi in esame, non sta ottemperando a quanto previsto e dimostra di  non conoscere il Corpo Nazionale.

Del resto, abbiamo un Capo Dipartimento, un gran professionista, ma della carriera prefettizia, che dunque non ci conosce … PERÒ anche oggi sarà ascoltato lui da questa Commissione,
e non il nostro Capo del Corpo, il nostro vertice tecnico operativo.

Questa dicotomia non permette al vertice politico un dialogo diretto col Corpo Nazionale. E questo decreto è l’occasione per sanare questa anomalia del doppio vertice.

 Di fatto il decreto in esame non assegna nulla al personale direttivo e dirigente! Nulla che riconosca e valorizzi queste professionalità. Il decreto in esame contiene un vero deprezzamento economico e professionale per noi direttivi e dirigenti.

Vengono creati nuovi ruoli con sovrapposizioni di competenze immotivate:

  1. 1.        I direttivi aggiunti, addirittura privi dei titoli di studio richiesti (laurea magistrale e abilitazione professionale) diventano direttivi senza concorso pubblico,
    e questo sarebbe pure incostituzionale (art. 97);
  2. 2.        dei direttivi tecnico-scientifici il decreto non specifica i titoli di studio, a cosa serviranno quindi è un mistero;
  3. 3.        e tanti altri nuovi ruoli di cui non si comprende la necessità.

Una cosa è certa: i fondi per valorizzare noi direttivi e dirigenti c’erano e ci sono.

Ma sono stati destinati ad altri.

Emerge chiaramente che il contributo professionale dei direttivi e dirigenti – con laurea magistrale, abilitazione alla professione e vincitori di concorso pubblico – ecco, questo contributo e questa professionalità l’Amministrazione la ritiene non necessaria.

 Ha scritto che il ruolo del direttivo può essere svolto da un profilo professionale inferiore…

 Ma allora, viene spontaneo lanciare una provocazione…

L’articolo 3 della Costituzione recita “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli …, che, … impediscono il pieno sviluppo della persona umana …”,  quindi se noi professionisti qui non siamo necessari, fateci transitare in altri posti dello Stato dove possiamo essere utili.

Noi amiamo il nostro lavoro. Tutto quello che abbiamo studiato, progettazione, chimica, fisica, tutto! nel Corpo Nazionale viene applicato per il soccorso, per aiutare le persone.

Non c’è un lavoro più bello di questo.

Allora, cosa avremmo voluto con questo riordino?

Quello che serve a tutto il Corpo Nazionale:

  1. 1.    Equa perequazione a tutti i livelli – dirigenti inclusi – con i pari grado delle forze di polizia;
  2. 2.    Per tutti i direttivi – tecnici, speciali ad esaurimento, legali e commerciali, ecc… – chiediamo posti funzione, con tempo di lavoro ed assegno di funzione;
    chiediamo una valutazione annuale di produttività ai fini della progressione in carriera ed un assegno annuale di produttività.
  3. 3.    Un ruolo di direttivi speciali ad esaurimento, ove confluire tutti i diplomati sostituto direttori che furono assunti come Ufficiali con concorso pubblico,
    riconoscendo il loro prezioso contributo ma tutelando così anche i requisiti di accesso al nostro comparto ed i posti funzione per direttivi, di cui loro sarebbero la giusta eccezione.
  4. 4.    Non servono direttivi logistico-gestionali (illogico mischiare avvocati e commercialisti come fossero la stessa cosa). Abbiamo bisogno di avvocati per contratti, gare, ricorsi,
    e di commercialisti per la gestione di bilancio e dei capitoli di spesa. Servono due ruoli distinti di direttivi: legali e commerciali.
    Ma chi tra noi, quando serve un avvocato, andrebbe da un commercialista?

Abbiamo capito che è nato male questo decreto, dato che è riuscito a suscitare scontento in modo corale.

Abbiamo iniziato richiamando la Costituzione Italiana perché questo decreto, così come è scritto, non la rispetta, né rispetta la volontà del Parlamento nelle leggi che vi abbiamo citato.

Vi chiediamo pertanto, sia come componenti della Commissione che come parlamentari, di apportare tutte quelle modifiche utili a riconoscere nei fatti l’equiparazione economica e funzionale dei vigili del fuoco alle forze di polizia.

Vi chiediamo, adesso che è possibile, di farlo.

Stiamo nel frattempo predisponendo un documento articolato che invieremo sia alla Commissione suddetta e sia a tutte coloro che hanno in esame il decreto di riordino che ci riguarda.
Un caro saluto a tutti.

La Segreteria

Genera PDF pf-pdf-icon

set 032018
 

Riportiamo il decreto ancora vigente relativo alla mobilità dei dirigenti e pubblichiamo la nota trasmessa relativa a quelle che riteniamo procedure poco congruenti col suddetto decreto nella recente mobilità del 10 agosto u.s..

Inoltre, abbiamo trasmesso una richiesta di chiarimenti relativamente alla erogazione degli arretrati, che sembra non essere in linea con le mensilità effettivamente maturate.

Infine pubblichiamo una informativa relativa alla riassegnazione dei fondi per il pagamento degli straordinari per il sisma di Ischia.

La Segreteria.

20180822_richiesta-incontro-per-mobilita-dirigenti

20180903_richiesta-chiarimenti-per-arretrati-stipendiali

staffcadip-registro-ufficiale-2018-0014920

Genera PDF pf-pdf-icon

lug 022018
 

Cari Colleghi del SindirVVF,
in merito alla costituzione della Nuova Segreteria, abbiamo due importanti novità.
La prima è che, per un disguido con la mail, non risultava correttamente pervenuta la candidatura di un collega.
La seconda è che, la riammissione di detta candidatura, porta a 8 i colleghi che si sono offerti per partecipare alla Segreteria, motivo per il quale procederemo regolarmente alle elezioni.

Pertanto, diamo avvio alle procedure di voto degli organi di rappresentanza sindacale della nostra associazione.
La lista dei candidati, che sarà pubblicata anche sul nostro sito, espressa in ordine alfabetico, è la seguente:
- Vincenzo Bennardo;
- Luigi Capobianco;
- Maria Elena Cilli;
- Roberto Emmanuele;
- Gianfrancesco Monopoli;
- Valentina Nocente;
- Luca Ponticelli
- Maurizio Torres
OPERAZIONI DI VOTO:
SI VOTA DALLE ORE 08:00 DI LUNEDI’ 02.07.2018, ALLE ORE 20:00 DI DOMENICA 08.07.2018.
OGNI ELETTORE INVIERA’ AL PRESENTE INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA UNA MAIL, CON NOTIFICA DI LETTURA, CON OGGETTO “SINDIRVVF-VOTAZIONE SEGRETERIA GENERALE 2018″ INDICANDO NEL TESTO N.3 (TRE) PREFERENZE DISTINTE FRA I CANDIDATI SOPRA ELENCATI.
OCCORRERA’ INDICARE NOME E COGNOME DEL CANDIDATO PRESCELTO.
IL VOTO ESPRESSO NEI CONFRONTI DI PERSONE ESTERNE ALLA LISTA DEI CANDIDATI NON VERRA’ PRESO IN CONSIDERAZIONE.
LE MAIL CHE PERVERRANNO PRIMA DELLE 08:00 DEL 02.07.2018 E DOPO LE 20:0 DEL 08.07.2018  NON VERRANNO PRESE IN CONSIDERAZIONE
A PARTIRE DALLE ORE 8.00 DEL 09.07.2018 AVVERRA’ IL CONTEGGIO DEI VOTI, DA PARTE DI UNA COMMISSIONE “TERZA”
L’ELENCO DEI COMPONENTI DELLA SEGRETERIA GENERALE VERRA’ PUBBLICATO SUL SITO.
 
Si resta a disposizione per ogni ulteriore dubbio e/o chiarimento.
La Segreteria.
lug 022018
 

Buongiorno a tutti,
vista l’imminenza del prossimo CdA che sancirà, fra le altre, le promozioni a Primo Dirigente e a Dirigente Superiore, abbiamo scritto al neo-Sottosegretario in merito ai criteri di valutazione del fascicolo personale, affinché il voto discrezionale, che deve comunque essere oggettivamente dimostrato, non stravolga completamente la graduatoria di merito.
Con l’occasione, abbiamo fatto un richiamo sulla posizione della nostra O.S.. in merito all’ingresso “tout court” nel comparto di contrattazione dei Dirigenti e direttivi del CNVVF, anche di personale privo dei necessari requisiti professionali.

La Segreteria

08-2018- Lettera Promozioni

giu 182018
 

Cari Colleghi,
nella giornata di domani, 19 giugno, le OO.SS. del CNVVF sono state invitate per un saluto dal nuovo Sottosegretario di Stato per l’Interno, con delega per i Vigili del Fuoco, Sen. Stefano Candiani.
Questa la nota trasmessa oggi con la posizione della nostra O.S.
Cordiali Saluti

La segreteria

07-18 Saluto Sottosegretario

Genera PDF pf-pdf-icon

giu 082018
 

Cari Iscritti,

faccio seguito alla comunicazione dello scorso 22 maggio, per ricordare a tutti che è stato avviato avviato il  meccanismo che porterà a nominare l’organo di governo, la Segreteria nazionale, che eleggerà il Segretario generale del SindirVVF e gli altri organi associativi.
Pertanto, seguendo lo schema approvato in Assemblea, ritenendo che uno dei sintomi di buona salute di una organizzazione sia la sua capacità di rinnovarsi e di disporre di diverse persone in grado di rappresentarla, entro il 15 giugno ciascuno degli iscritti potrà candidarsi per essere eletto nella Segreteria nazionale. Le candidature dovranno essere comunicate per mail a questo indirizzo e saranno pubblicate sul nostro sito.

Successivamente, si svolgeranno le elezioni (sempre per mail, a voto palese) e i 7 candidati che avranno ottenuto il maggior numero di voti faranno parte per un biennio della Segreteria.

Restiamo in attesa, quindi, delle vostre candidature.
Cordiali saluti

La Segreteria

giu 082018
 

…TU AIUTACI A RAPPRESENTARTI!!

Cari Colleghi,

il 21 maggio u.s. si è svolta, presso l’ISA di Roma, l’Assemblea Plenaria degli iscritti all’O.S. SindirVVF.

Scopo della riunione, la definizione degli indirizzi programmatici dell’Associazione volti a perseguire il pieno riconoscimento delle funzioni svolte dai direttivi e dirigenti del CNVVF e a promuovere ogni iniziativa diretta ad ottenere il miglioramento dello stato giuridico ed economico degli appartenenti alla suddetta categoria.

Il recente riordino, che dovrebbe vedere la luce nei prossimi giorni, ci impone, come categoria e quindi come Associazione Sindacale rappresentativa di questa categoria, ancora di più l’obbligo di salvaguardia delle prerogative delle figure apicali del Corpo.

L’Assemblea ha rivisto, nella giornata di ieri, la Piattaforma Programmatica che trovate allegata e che portiamo all’attenzione di tutti i colleghi dirigenti e direttivi. Gli obiettivi prefissi potranno essere conseguiti solo se la categoria si dimostra unita e compatta .

Come OS abbiamo deciso che è necessario passare attraverso un rinnovamento che sarà possibile solo con l’aiuto e il sostegno di tutti i colleghi che condividono i nostri obiettivi. Solo con questo supporto e con la forza data dai numeri, questa Associazione potrà essere veramente rappresentativa dei dirigenti e dei direttivi del CNVVF, a tutti i tavoli e livelli di contrattazione e di relazioni sindacali in cui saremo convocati.

Invitiamo tutti i colleghi a collaborare con questa O.S. facendosi parte attiva nel sindacato, iscrivendosi, partecipando e, per chi fosse interessato, facendo parte degli organi statuari di prossimo rinnovo, avendo a mente che i nostri diritti non potranno mai essere difesi da chi, allo stesso tavolo, preserva le altre e di gran lunga numericamente più consistenti categorie. D’altronde, la recente storia del riordino ha evidenziato a chiare lettere – ed alcune volte in maniera diretta ed esplicita – che rispetto alle 28.000 persone, non si avessero a cuore le giuste rivendicazioni e le proposte di miglioramento – mai come in questa occasione realizzabili – che riguardassero “solo 600 persone”, anche se queste sono proprio le figure apicali del Corpo.

Nell’ottica di rinnovamento già esposta e al fine di perseguire gli obiettivi prefissi, invitiamo tutti i colleghi che ancora non sono iscritti con noi ad aderire, compilando il modulo allegato (differente per strutture territoriali e centrali). Il Sindacato ha bisogno di tutti noi per poter lavorare al meglio.

Al fine di rinnovare la Segreteria Generale  e gli altri organi di rappresentanza, chi, fra iscritti e neo-iscritti, è interessato a far parte degli organi statuari, può inviare una mail all’indirizzo info@sindirvvf.it con la propria candidatura, entro e non oltre il prossimo 15 giugno. Gli interessati troveranno copia dello Statuto allegata.

Non possiamo continuare a fa decidere agli altri le nostre sorti! Organizziamoci, compattiamoci e facciamo sentire la nostra voce, che tanto più sarà ascoltata quanto più forte e rappresentativa la faremo essere.

La Segreteria

Allegati:

  1. Piattaforma programmatica
  2. Statuto_finale
  3. Modulo Iscrizione da strutture territoriali
  4. Modulo Iscrizione da strutture centrali

Genera PDF pf-pdf-icon