gen 102018
 

Cari Colleghi,
oggi si è aperto il confronto per il rinnovo del contratto di lavoro fra le OO.SS. rappresentative e la delegazione dell’Amministrazione, rappresentata dal Ministro Madia e dal Ministro Minniti, i relativi Sottosegretari e i vertici tecnici dell’Amministrazione.
Il Sottosegretario Rughetti, della Funzione Pubblica, che segue il comparto sicurezza e difesa e il comparto dei vigili del fuoco, ha illustrato per grandi linee le risorse a disposizione: per il contratto, periodo 2016-2018, gli stanziamenti previsti dalla legge di stabilità prevedono il pagamento degli arretrati 2016 e 2017, l’aumento a regime dal 2018 e il pagamento delle vacanze contrattuali precedenti aggiuntive agli aumenti.
A questi emolumenti si aggiungono 150 M stanziati dalla legge di stabilità (da ripartire con gli altri Corpi dello Stato) e destinati al salario accessorio.
I criteri di ripartizione di queste risorse saranno oggetto di un apposito DPCM.
Inoltre, non essendo ancora emesso il decreto integrativo e correttivo del DLgs 97/2017 con il quale si ripartiscono i 16,2 M destinati al riordino delle carriere, di  fatto ci si troverà a negoziare il contratto mentre, contemporaneamente, il legislatore sta riscrivendo il decreto legislativo.
Pertanto, sulla parte normativa  del contratto ci sarà da lavorare tanto.

Fatte queste premesse, è iniziato il giro di tavolo.
Le nostre tre OO.SS., uniche sigle di categoria e che assieme esprimono la maggioranza della rappresentatività del comparto, hanno esposto le principali tematiche che riteniamo debbano essere affrontate in sede di accordo negoziale, con un unico intervento i cui contenuti potete leggere nel comunicato allegato che abbiamo prima consegnato brevi manu e poi trasmesso all’Amministrazione.
Abbiamo evidenziato poi la necessità che la parte normativa del contratto includa – e quindi retribuisca – anche quegli istituti giuridici ed economici come i posti funzione e il tempo di lavoro che il legislatore sta introducendo nel nostro ordinamento.

Dopo il giro di tavolo, il sottosegretario Rughetti ha proposto, come metodologia da seguire, lo spacchettamento della procedura negoziale in due tavoli, uno economico, da chiudere nell’immediato, con il quale assegnare le risorse previste da contratto (gli 85€ di media), con il quale fondamentalmente si andrebbe ad incrementare prevalentemente il tabellare (arretrati, vacanze contrattuali e rinnovo a regime) ed uno normativo – per il quale serve più tempo – con cui remunerare gli istituti accessori (in quota parte con la rimanenza del contratto e sostanzialmente con i proventi del DPCM di ripartizione dei 150M)

La gran parte delle OO.SS. ha espresso un parere favorevole alla metodologia proposta da Rughetti.
Al nostro turno abbiamo dichiarato che, prima di poter esprimere un parere, occorre vedere le cifre e le ripartizioni (anche fra i due procedimenti negoziali “dirigenti e direttivi” e “non dirigenti e non direttivi”) e che risulta difficile distribuire le risorse economiche prima di aver definito la parte normativa.

La riunione è terminata con l’impegno dell’Amministrazione di inviarci, entro domani, una ripartizione dettagliata delle risorse a disposizione per poterci poi reincontrare a breve (venerdì o lunedì)

Le Segreterie SindirVVF – APVVF – DirstatVVF

01-18-lettera trasmissione comunicato congiunto

Comunicato Congiunto rinnovo contratto

Genera PDF pf-pdf-icon

gen 122016
 

Cari Colleghi,

in data 12 gennaio SindirVVF e APVVF hanno fatto pervenire all’Amministrazione la Nota 2/16, con la quale si richiede la revisione e l’aggiornamento della circolare sulla reperibilità, di circa 25 anni fa, per adeguarla alle nuove norme sull’orario di servizio e alla nuova struttura del corpo nazionale nella quale sono previste le sale operative delle Direzioni Regionali.
Contestualmente si richiede l’aggiornamento delle tariffe che, per il personale direttivo, sono oggi più basse di 25 anni fa ed anche la regolamentazione delle modalità di espletamento del servizio di guardia/reperibilità da parte del personale appartenente ai diversi ruoli (direttivi, ispettori e sostituiti direttori).

Le Segreterie

02-16 Nota Reperibilità

Genera PDF pf-pdf-icon

mag 152015
 

Cari Colleghi,

lo scorso 21 aprile vi abbiamo informato dei contenuti della sentenza del TAR del Lazio che ha annullato la circolare n.2 del Dipartimento della Funzione Pubblica affermando che l’Amministrazione non può emanare una circolare che cambi unilateralmente quanto stabilito e regolato dal contratto di lavoro.
Con la nota la nostra Amministrazione ha assicurato che si atterrà al dispositivo richiamato.
La Segreteria
apr 222015
 
Cari Colleghi,
Il TAR del Lazio, con sentenza n. 5714 (sotto il link) pubblicata in data 17/04/2015 ha annullato la Circolare ministeriale 2/2014 della Funziona Pubblica sulle assenze per visite specialistiche, affermando che l’Amministrazione non può emanare una circolare che cambi unilateralmente quanto stabilito e regolato dal contratto di lavoro.
La Circolare contestata è quella emanata in attuazione alla legge n. 125/2013 che ha modificato, per quanto attiene le assenze anzidette, il comma 5-ter dell’art. 55-septies del D.Lgs. 165/2001, il quale recitava: “Nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici l’assenza è giustificata mediante la presentazione di  attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche  privati, che hanno svolto la visita o la prestazione.”
Le modifiche apportate con la legge n. 125/2013 recitano: “Nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici il permesso è giustificato mediante la presentazione di  attestazione, anche in ordine all’orario, rilasciata dal medico o dalla struttura, anche  privati, che hanno svolto la visita o la prestazione o trasmessa da questi ultimi mediante posta elettronica.”
Si specifica che in premessa alla suddetta legge vengono richiamati e confermati i principi ispiratori del D.Lgs. 165/2001, che promuovono il diritto-dovere dei lavoratori a tutelare la propria salute, ma che nella Circolare ministeriale 2/2014 non hanno trovato compimento, vincolando nelle modalità e tempistiche gli orari di assenza giustificata.
Per quanto attiene l’attuazione della Circolare 28/2014 della Funzione Pubblica da parte della nostra Amministrazione, questa O.S. aveva posto l’attenzione su una interpretazione e quindi applicazione addirittura peggiorative, in quanto le ore di permesso (giocando sull’uso del termine permesso in vece di assenza per malattia), che avrebbero dovuto essere giustificate per visita medica, venivano decurtate dalle ore di permesso retribuito annuale (art. 6 comma 2 DPR 07 maggio 2008) e, una volta terminate queste, dalla eventuale banca delle ore del personale, e dopo? annullando di fatto ogni diritto alla tutela della salute garantito dalla legge.
Per quanto premesso, accogliamo questa sentenza con sollievo e vigileremo a che, quanto prima, anche per il nostro personale sia ripristinato il diritto a curarsi.
La Segreteria
gen 122015
 

Cari Colleghi,

eccovi un Appunto predisposto dalla DCRF in merito alla tempistica (mensilità stipendiale) con la quale verranno effettivamente erogati gli adeguamenti retributivi per chi è stato promosso o ha maturato gli scatti convenzionali nel quadriennio 2011-2014.
Ovviamente, gli adeguamenti verrano erogati dalla mensilità indicata, con gli arretrati a partire dal mese di gennaio 2015.
Puoi leggere anche il post dedicato: vedi

La Segreteria

Genera PDF pf-pdf-icon

gen 022015
 

Cari colleghi,

ecco la Circolare n. 31434 della DCRF nella quale viene chiaramente spiegato quello che è accaduto in questo ultimo quadriennio in merito al blocco delle progressioni in carriera, degli scatti convenzionali e delle maggiorazioni dell’indennità di rischio e quello che cambierà dal 1° gennaio 2015.
Nelle conclusioni si legge che la DCRF avvierà nel mese di gennaio 2015 le procedure tese all’attribuzione definitiva dei completi effetti economici relativi a promozioni, scatti convenzionali e maggiorazioni dell’indennità di rischio disposte in favore del personale del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco per il quadriennio 2011-2014.
Con l’occasione porgiamo a voi tutti e alle vostre famiglie gli auguri per un sereno nuovo anno.

La Segreteria

Genera PDF pf-pdf-icon

ago 282014
 

Cari Colleghi,

come avrete avuto modo di constatare, nell’ultima tornata di incarichi dirigenziali gli stessi sono stati conferiti per la durata di un biennio, invece che per un triennio, come previsto dall’art. 3 del DM 20.01.2011 e dall’art. 19 del D.Lgs. 165/2001.
Questa O.S., con la nota in allegato, ha chiesto di conoscerne i presupposti normativi che legittimino le determinazioni assunte, ovvero di porre in essere le necessarie azioni correttive.

La Segreteria

11-14 Durata Incarichi Dirigenziali

Genera PDF pf-pdf-icon

apr 182014
 

Cari colleghi,

nella giornata del 17 aprile si è tenuta una riunione relativa al Fondo di risultato Dirigenti e Fondo di Produttività Direttivi.
Sotto troverete i prospetti sugli accordi che sono stati trovati sulla distribuzione dei fondi.
Come potrete riscontrare, SindirVVF ha firmato gli accordi relativi alla distribuzione del fondo di risultato del personale dirigente, ma non ha firmato quello relativo al fondo di produttività del personale direttivo.
Infatti, come tutti sapete, abbiamo appoggiato APVVF nel riscorso al TAR relativo proprio alle modalità di costituzione di detto fondo (al fine di far confluire in questo fondo i proventi derivanti dal lavoro di tutti i colleghi direttivi); pertanto entrambe queste sigle non hanno firmato e hanno allegato la nota a verbale, redatta da APVVF ma condivisa da SindirVVF.
Vi terremo aggiornati sui futuri sviluppi.

La Segreteria

Trasmissione Accordi risultato

Trasmissione Accordo Fondo di produttività anno 2011

Accordo ulteriori risorse risultato anno 2009

Accordo ulteriori risorse risultato anno 2010

Accordo Fondo di risultato anno 2011

Accordo Fondo di produttività anno 2011-2