ago 072015
 

Cari Colleghi,
come avete avuto modo di sentire, negli scorsi giorni l’aula del Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge 1577 di delega al Governo in materia di riorganizzazione della pubblica amministrazione.
Il comma 1 dell’art. 8 attribuisce al Corpo nazionale dei vigili del fuoco le competenze del Corpo forestale in materia di lotta attiva contro gli incendi boschivi e spegnimento con mezzi aerei degli stessi e le connesse risorse.
A poco più di 3 anni dal DL 20 giugno 2012, n. 79 che ha assegnato al Dipartimento dei Vigili del Fuoco il compito di assicurare il coordinamento tecnico e l’efficacia operativa delle attività di spegnimento con la flotta aerea antincendio CL-415, un altro pezzo di flotta aerea antincendio dello Stato passa al CNVVF, rafforzando, quindi, il ruolo strategico del nostro Corpo nella lotta attiva agli incendi boschivi, con l’uso del mezzo aereo.
A seguito dell’acquisizione delle competenze del CFS, il disegno di legge 1577 prevede “l’ottimizzazione dell’efficacia delle funzioni del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, mediante modifiche al decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, in relazione alle funzioni e ai compiti del personale permanente e volontario del Corpo e conseguente revisione del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, anche con soppressione e modifica dei ruoli e delle qualifiche esistenti ed eventuale istituzione di nuovi appositi ruoli e qualifiche, con conseguente rideterminazione delle relative dotazioni organiche e utilizzo, previa verifica da parte del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato del MEF, di una quota parte dei risparmi di spesa di natura permanente, non superiore al 50 per cento, derivanti al Corpo nazionale dei vigili del fuoco dall’attuazione della delega”
A parere di questa O.S. si apre un momento molto delicato per il nostro Corpo, che si dovrà assestare anche a seguito dell’entrata in vigore, proprio in questi giorni, del DM 24/09/2014 attuativo del Progetto di riordino, in tema di posti dirigenziali.
Il Progetto, infatti, ha imposto una cura dimagrante a tutti gli uffici centrali, comprendendo, incomprensibilmente, anche l’Ufficio Soccorso Aereo che non delega alcuna delle proprie funzioni sul territorio, ma anzi! oltre a gestire la flotta aerea di soccorso e la flotta aerea dei CL-415, come ormai era nell’aria da tempo, dovrà farsi carico anche degli ulteriori assetti derivanti dalla nuova attribuzione, accrescendo e potenziando le proprie competenze.
Confidiamo pertanto che la nostra Amministrazione sia parte attiva, sia dal punto di vista strategico che tecnico, nel garantire la corretta esecuzione della volontà politica, che delinea ancora più fortemente il ruolo centrale del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco in tema di antincendio boschivo, garantendo nel contempo, con le modifiche ordinamentali citate, le dovute garanzie e tutele a tutto il personale del CNVVF.

La Segreteria

Genera PDF pf-pdf-icon

ago 132013
 

Cari Colleghi,
con riferimento alle nostre precedenti comunicazioni, sull’esito del Consiglio dei Ministri dell’08.08.2013 e sul resoconto dell’incontro con il Sottosegretario del 31.07.2013, vi alleghiamo alla presente il testo del decreto sicurezza come approvato dal Consiglio dei Ministri in data 8 agosto 2013.
Tale decreto, previa visto alla Ragioneria Generale dello Stato, sarà posto alla firma del Presidente della Repubblica e successivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
Come potrete leggere, all’art.11 “Disposizioni per il potenziamento del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”, viene istituito un fondo per l’anticipazione delle immediate ed indifferibili esigenze di spesa, limitatamente alle attività di soccorso pubblico rese in contenti emergenziali dichiarati che, per l’anno 2013 è di 15 milioni di euro (la cui copertura economica è garantita da una quota parte del “Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso, delle richieste estorsive e dell’usura”).
Vengono introdotte anche quelle modifiche al D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 anticipate dal Sig. Sottosegretario; la prima riguarda l’inclusione del Corpo Nazionale, assieme alle forze armate e di polizia, nella partecipazione al Sistema Informativo Nazionale integrato per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP), la seconda riguarda la possibilità di effettuare direttamente le verifiche periodiche sulle attrezzature di cui dispone e di provvedere alla formazione e abilitazione del personale  del Corpo nazionale all’utilizzo delle attrezzature.

La Segreteria

Schema DL Sicurezza 8.8.13