apr 112016
 

Cari Colleghi,

lo scorso 8 aprile siamo stati convocati dal Sig. Ministro per un incontro che, seppur senza uno specifico oggetto nella convocazione, faceva seguito alla richiesta di incontro da parte di alcune OO.SS. in stato di agitazione per il mancato rinnovo del contratto.
Nel breve tempo messo a disposizione, il Ministro ha da subito chiarito di aver avuto conferma personale dal Ministro della Funzione Pubblica Madia di apertura della piattaforma contrattuale; ha inoltre tenuto a comunicare che, grazie al suo personale interessamento, il contributo straordinario ex lege 28/12/2015, n. 208, pari ad 80€ per tutto il personale (dirigenti esclusi) verrà erogato anche per l’anno 2017.
Ha fatto seguito un veloce giro di tavolo in cui è stato ricordato al Sig. Ministro che ancora non è stato dato luogo alla creazione del fondo di specificità, ai sensi dell’articolo 19 della legge 183 del 2010, e che, ancora, vige un importante carenza di risorse umane.
Per quanto riguarda il nostro intervento, abbiamo consegnato al Ministro e agli altri destinatari presenti, il documento che trovate sotto, in cui abbiamo evidenziato alcuni degli aspetti più critici ancora irrisolti, sia per il Corpo nazionale sia per la categoria che rappresentiamo.
Abbiamo ritenuto, inoltre, che l’incontro con il Ministro fosse l’occasione propizia per rivendicare, per la categoria dei direttivi, il giusto ruolo, sia dal punto di vista dell’organizzazione del lavoro che di struttura della retribuzione, con alcune proposte tese a far “staccare” in modo netto le modalità di lavoro del personale “vice-dirigente” dal mero rapporto impiegatizio.
Abbiamo anche sollevato le problematiche connesse all’aumento delle competenze nel settore AIB, con il trasferimento al CNVVF anche di quelle proprie del CFS, sia affrontando le problematiche relative ad un corretto espletamento di queste nuove funzioni (con un forte accento sul fatto che le strutture deputate alla formazione e all’addestramento stiano passando tutte all’Arma dei carabinieri), sia dal punto di vista del personale a seguito delle inevitabili commistioni.
Il Segretario Generale
Marina Malinconico
lug 252015
 

Cari colleghi,

come annunciatovi, nel pomeriggio di ieri (24 luglio 2015) si è tenuto l’incontro conclusivo della consultazione delle OO.SS., firmatarie dei contratti, sulle nuove ripartizioni delle dotazioni organiche. [Leggi anche il post]
Per quanto attiene l’impianto generale, è stato generalmente apprezzato sia il ricorso al D.M. come strumento normativo, in luogo del precedente DPCM, per il quale le modifiche richiedono sempre iter più lunghi e complessi, sia il ricorso ad un decreto del Capo del Corpo per le dotazioni organiche delle articolazioni territoriali subprovinciali.
Con la nuova ripartizione, tutti i nuclei specialistici (sommozzatori, portuali, elicotteristi e TLC) ricadranno sotto la competenza delle Direzioni Regionali sia funzionalmente che amministrativamente, pur mantenendo la propria dislocazione geografica. Detto passaggio sarà possibile solo dopo l’attuazione delle modifiche al “Regolamento recante individuazione degli uffici dirigenziali periferici del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”
Nel nostro intervento, prima di esprimerci su quanto strettamente di competenza (personale Direttivo), accogliendo anche alcune delle vostre richieste pervenute a questa Segreteria, abbiamo chiesto lumi circa i nuclei TLC, in particolare per quello di Lucca, scomparso nella nuova versione, e quello dell’Abruzzo, indicato ancora a Chieti invece che a L’Aquila.
Circa il TLC di Lucca, l’Amministrazione ha confermato che tale servizio che, dipendente dalla Direzione Regionale Toscana, è sempre stato molto importante e storicamente presente per via della conformazione naturale montuosa e di isole (presenza di Alpi Apuane, Appennino tosco emiliano, manche Isole Elba Giglio ecc.), verrà svolto, a regime, dal TLC di Firenze, al pari di tutte le altre regioni. Ciò è dovuto, sia a criteri di omogenizzazione con le altre direzioni, sia per la necessità di destinare quelle unità di personale ad altre funzioni dovute per legge (organi costituzionali, ad esempio). Ovviamente questo passaggio sarà graduale.
Analogamente per il TLC dell’Abruzzo, le dotazioni organiche verranno modificato in modo che, a regime, abbia sede a L’Aquila.
Entrando nel merito del nostro comparto, questa O.S. ha nuovamente segnalato la mancanza di un livello di dettaglio, maggiore dell’attuale, nella definizione dei posti afferenti agli uffici centrali.
Mentre il progetto di riordino ha ben definito i posti funzione dei colleghi direttivi sul territorio (Comandi e Direzioni), non altrettanto è stato fatto per gli uffici centrali (Ministero, SCA e SFO), sui quali permangono dotazioni complessive per Direzione Centrale. Ciò stona, evidentemente, con l’imminente applicazione del progetto di riordino che vede la scomparsa di 19 posizioni dirigenziali dal centro, con il relativo accorpamento degli uffici di cui, nonostante le ripetute richieste da parte di questa, ma anche altre OO.SS., non si è riusciti ad avere evidenza della struttura. Problematica che accomuna i direttivi agli altri funzionari e impiegati tutti delle direzioni centrali.
L’Amministrazione ha preso l’impegno di avviare quanto prima i tavoli relativi proprio alla definizione di dettaglio degli uffici centrali.
Un altro aspetto che ci ha premuto evidenziare, è la mancanza di evidenza della presenza di specialisti fra il personale direttivo (ma anche SD). Come si evince dalle tabelle inviateci, all’interno degli uffici della DCEST, che dal centro coordinano i settori dei Sommozzatori, Elicotteristi, Portuali e,  con il riordino, anche i TLC, non sono previsti funzionari in possesso delle relative specializzazioni (a parte n.3 SD per il TLC).
Eppure la consuetudine, negli ultimi anni (ma anche decenni), è stata proprio quella di affidare a funzionari specializzati, quindi in possesso delle necessarie competenze tecniche, la gestione di questi settori; forse questa sarebbe potuta essere l’occasione per normare questa “abitudine”.
Esigenza ancora più forte per il settore aereo, per il quale il Corpo riveste il ruolo di Autorità Aeronautica, che necessità di particolari e competenti figure, e possiede una flotta di considerevole consistenza che potrebbe, visto quanto indicato nel cosiddetto “DL Madia”, anche implementarsi con ulteriori importanti assetti provenienti dal CFS.
Il Segretario Generale

Marina Malinconico

Genera PDF pf-pdf-icon

lug 232015
 

Cari Colleghi,

alle ore 15.30  di oggi (23/7/2015) le OO.SS. del CNVVF sono state convocate per una consultazione sullo  schema di Decreto del Ministro dell’Interno di ripartizione delle dotazioni organiche del Corpo Nazionale tra uffici centrali e periferici e altri provvedimenti collegati , pervenuto dalla competente DCRU.
I documenti inviatici sono corredati da un appunto riepilogativo.

La Segreteria

Appunto Decreti D.O

Bozza Decreto Ministro su Dotazioni territoriali del CNVVF

Bozza decreto Capo CNVVF di Ripartizione delle dotazioni organiche

Genera PDF pf-pdf-icon

dic 082014
 

Cari Colleghi,

lo scorso 3 dicembre si è tenuta la prima riunione di “consultazione” delle OO.SS. in tema di dotazioni organiche.
La posizione espressa congiuntamente da queste OO.SS. la trovate nella nota in allegato.
Quello che si evidenzia dalla lettura della nostra nota è che, anche nella redazione di un documento così importante, sulla base del quale si fanno le mobilità e le nuove assunzioni, l’approccio dell’Amministrazione sia quello di dare dei numeri, senza prima definire chi fa cosa e come, nonché quello di chiudere velocemente (si parla del 16 dicembre come termine ultimo).
Ovviamente il documento di riferimento è stato quello trasmessoci con nota prot. 5777/S183 del 21/11/2014, discusso il 3 dicembre, e non il successivo, con il quale l’Amministrazione ha cercato di mediare su qualche numero senza però, data anche la ristrettezza dei tempi, dare risposte concrete sulle gravi carenze che abbiamo esposto.
Buona lettura!

Le nostre segreterie restano a disposizione di tutti i colleghi che vogliono esporre le proprie osservazioni sul nuovo documento, trasmesso con nota prot. 5850/S183 del 05/12/2014, in vista della prossima riunione prevista per martedì 9 dicembre alle re 15:00. (occhio alle date!)

Le Segreterie SindirVVF e APVVF
nov 242014
 

Pubblichiamo  lo schema di decreto di ripartizione delle dotazioni territoriali del CNVVF, redatto alla luce del DM 24/09/2014 e che, auspichiamo, recepisca anche la nuova direttiva sulla riduzione dei centri di spesa.

La Segreteria

Schema articolato DM ripartizione dotazioni organiche

allegato I distribuzione dotazioni organiche 24.11

Informativa dotazioni organiche