mar 162017
 

Cari Colleghi,

come vi avevamo anticipato, nella serata di martedì 14 marzo si è tenuto l’incontro con l’Amministrazione per esperire la procedura di conciliazione.
La riunione, presieduta dal Sottosegretario Bocci, in qualità di delegato del Ministro Minniti, è stata un’importante occasione per portare al livello più alto del nostro Ministero il dialogo sulle problematiche dei direttivi e dei dirigenti del Corpo.
All’esito dell’incontro, durante il quale abbiamo avuto l’opportunità di discutere, in un clima franco, delle tematiche che ci stavano più a cuore, l’Amministrazione si è impegnata a riconoscere alle figure apicali del Corpo la loro professionalità, puntando alla valorizzazione del ruolo in linea con le nostre aspirazionie offrendo una adeguata prospettiva di carriera.

In concreto, la proposta fatta si esplicherà mediante la definizione, all’interno delle strutture centrali e perifiche, di specifici uffici alla cui direzione porre i direttivi, i cosiddetti “posti funzione”, finora riconosciuti solo ai dirigenti; agli incarichi di funzione verranno poi collegati specifici istituti retributivi (fissi e continuativi), per finanziare i quali ci si avvarrà di una quota dei fondi previsti dall’Art. 15 del decreto legislativo approvato in via preliminare lo scorso 23 febbraio.

Quanto sopra verrà portato ai tavoli di concertazione che si apriranno il prossimo 22 marzo.

Alla luce dell’impegno manifestatoci, abbiamo ritenuto la proposta dell’Amministrazione soddisfacente,pur consapevoli che la la stessa non recepisce pienamente le nostre doglianze e ci siamo pertanto “raffreddati”, nella considerazione che abbiamo assistito ad un importante passo avanti nella direzione auspicata e tappa obbligata del percorso che abbiamo intrapreso verso l’obiettivo prefisso.

Ciò consentirà di sederci al prossimo tavolo di concertazione con un impegno concreto da parte dell’Amministrazione - in termini di nuove prerogative e aspettative anche economiche – che NON avevamo quando ci siamo lasciati lo scorso 21 febbraio. 
Forti di questa consapevolezza, ora dobbiamo coagularci tutti insieme e, a tal fine, chiediamo a tutte le OO.SS. rappresentative del comparto di fare sinergia, unire le forze e raccogliere il più largo consenso verso questa ed altre proposte migliorative, nell’interesse della categoria.

Cercheremo quindi di concretizzare quanto fatto sinora, nell’ambito dei lavori che ci apprestiamo ad iniziare, con l’obiettivo di giungere ad una proposta “correttiva ed integrativa“, condivisa da tutte le OO.SS., che l’Amministrazione possa portare in Parlamento prima della approvazione definitiva del teso;una proposta che segni finalmente la svolta per il personale direttivo del Corpo! 

 

Il Segretario Generale
Marina Malinconico

Genera PDF pf-pdf-icon