feb 082017
 

Alle ore 18.30 del 7 febbraio 2016 abbiamo ricevuto le nuove bozze dei decreti 139 e 217 delle quali si discuterà nella riunione del 8 febbraio ore 11.15 con la presenza del signor Ministro.

La segreteria

mail di covocazione del 8 febbraio

Schema decreti 139 e 217 versione 7-2

Testo a fronte decreto 217 del 7-2

Testo a fronte decreto 139 del 7-2

 

 

ott 262015
 

Cari Colleghi,

in data 23/10/2015 tutte le OO.SS. rappresentative per il comparto Direttivi e Dirigenti hanno fatto richiesta congiunta al Sig. Capo del Corpo e al Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica sul nuovo decreto legislativo n° 105, relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con  sostanze pericolose.
Il provvedimento prevede l’assegnazione al Ministero dell’Interno delle funzioni istruttorie e di controllo sugli stabilimenti di soglia superiore ed alle Regioni, le funzioni di controllo sugli stabilimenti di soglia inferiore.
Le OO.SS. richiedono di conoscere quali azioni intende mettere in atto l’Amministrazione per adeguare ed uniformare l’organizzazione e le modalità di svolgimento dei compiti affidati alle Direzioni Regionali VV.F. e alle Regioni e, contestualmente,  di valutare l’opportunità di aprire un tavolo tecnico paritetico in grado di affrontare tali tematiche con la partecipazione dei territori, al fine di definire un assetto organizzativo, procedure e standard omogenei, da attuarsi su scala nazionale.
La Segreteria
apr 232015
 

Cari Colleghi

nel pomeriggio del 22 aprile, si è svolta la riunione sul nuovo regolamento per il personale volontario del Corpo, presieduta dal Sottosegretario Bocci.
La riunione era finalizzata a raccogliere contributi delle OO.SS., non rientrando la materia tra quelle oggetto di contrattazione, e avrà un seguito a breve, dopo che l’Amministrazione avrà approfondito le problematiche sollevate ieri dalle OO.SS..
Nel corso della riunione è stata distribuita l’ultima versione del regolamento, circostanza considerata non accettabile da tutte le OO.SS. presenti.
Al riguardo, la scrivente ha considerato ancora più criticabile che, ad oggi, nonostante le richieste formali, non sia stata ancora consegnata una relazione illustrativa del regolamento che consenta di comprendere la necessità di una nuova regolamentazione, i dati alla base della stessa, l’analisi di impatto previsto dalle nuove misure e gli elementi di misurazione degli obiettivi prefissati, così come previsto ormai da anni dai  principi della buona regolamentazione in vigore nell’Unione europea, ai quali ogni Amministrazione pubblica dovrebbe attenersi.
Ad esempio, non si è capito come sarà realizzato uno degli presunti punti qualificanti del regolamento, cioè la volontà di contrastare l’opacità, se non l’illegalità, alla base alcuni richiami (il Sottosegretario ha citato recentissimi fatti di cronaca al riguardo); i richiami, infatti, saranno regolamentati con un successivo regolamento di cui ieri non è stato anticipato nulla.
Inoltre, restando nel merito delle misure, tra i vari punti che meriterebbero un approfondimento, la scrivente O.S. ha sollevato perplessità sulla genericità delle nuove disposizioni relative alla formazione, lamentando l’assenza di specifiche misure per l’addestramento continuo dei capi partenza e degli istruttori provenienti dall’elenco A, e rappresentando che l’introduzione di novità così rilevanti per la sicurezza pubblica andrebbero accompagnate da stringenti prescrizioni riguardo al mantenimento della qualificazione, di cui nella bozza di regolamento non sembra esservi traccia.
Successivamente, è stato presentato dal Direttore centrale delle risorse logistiche e strumentali il piano pluriennale (vedi presentazione) di ammodernamento dei mezzi e delle tecnologie legate al soccorso, per il quale si confida uno stanziamento straordinario del Governo e nei fondi europei.
La Segreteria
feb 282015
 

Cari colleghi,

il prossimo 3 marzo siamo stati convocati dal’amministrazione circa il nuovo regolamento del personale volontario. In previsione di ciò ci è stata inviata la nuova bozza che pubblichiamo.
La precedente bozza era stata commentata da questa O.S. con la nota prot. 07-15 del 6 febbraio 2015.
Come sempre siamo in attesa di vostre osservazioni in merito.
La Segreteria
mag 082014
 

Cari colleghi,

nella mattina di ieri, 6 maggio, si è svolto un incontro con le OO.SS., presieduto dal Direttore Centrale per le Risorse Umane, finalizzato ad esaminare la bozza del nuovo “Regolamento di disciplina del personale del corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco” (ai sensi dell’art. 139 del  D.Lgs. 217/2005).
La maggior parte delle OO.SS. presenti ha espresso un parere favorevole sul lavoro svolto, che ha condotto alla bozza proposta e sono pochi i punti sostanziali sui quali è stato necessario il confronto.
Si è proceduto con l’esame del testo, con l’eliminazione dal testo di alcune ambiguità, specificando in dettaglio quali comportamenti rientrano fra quelli da contenere con rimprovero orale, scritto, ecc…
Ogni procedura è stata esaminata facendo attenzione affinché il dipendente in ogni momento sia a conoscenza dello stato di procedura, e possa eventualmente impugnare il procedimento stesso oppure fare controdeduzioni; è stata accolta la nostra richiesta di specificare le qualifiche dei funzionari e dirigenti chiamati a comporre le Commissioni di disciplina centrale e locali.
Abbiamo poi è evidenziato una incongruità fra le sanzioni previste dalla bozza per inosservanza delle norme in materia di prevenzione degli infortuni e di sicurezza sul lavoro ed il D.Lgs 81/2008. Il testo è nato dall’esigenza di svincolare giustamente il Regolamento di disciplina dal concetto di datore di lavoro, ma ciò non toglie che, così come articolato, deve essere ripensato ed esplicitato per evitare ambiguità;
In merito al rifiuto a seguire corsi di formazione, previsto con sanzione fino a quattro ore di retribuzione, è stato richiesto che fosse spostato a semplice richiamo orale, in quanto tra l’altro non sarebbe chiaro quali corsi sono da ritenere obbligatori, e possano condurre ad una sanzione, e quali no;
nell’articolato inerente la destituzione con preavviso compare con la sottrazione di somme o beni anche l’occultamento di fatti ad essi relativi, cosa quest’ultima che invece dovrebbe rientrare nelle sospenzioni;
Si accoglie con favore l’introduzione dettagliata e proceduralizzata dell’Istruttoria, ma si chiede di ricontrollare le tempistiche, ritenute troppo dilatate;
In merito alle convocazioni per il procedimento, su segnalazione del Sindir, si ravvisa che non sono chiari gli addebiti degli oneri di missione, che saranno chiariti;
Una problematica aperta e da approfondire è quella relativa alla conclusione delle procedure. Infatti i provvedimenti disciplinari a firma dei Direttori Regionali sono atti definitivi, non impugnabili con istanze di secondo livello. E per uniformità procedurale, definitivi diventano anche gli atti analoghi emessi dai Comandanti Provinciali. Si ravvisa d’altra parte la necessità di garantire una qualche forma di ricorso interno, senza spingere il dipendente ad istituzioni esterne come il TAR.
La bozza sarà corretta alla luce di quanto emerso in riunione e sottoposta ad ulteriore confronto con le OO.SS. il giorno 4 giugno p.v.

La Segreteria

mar 312014
 

Ecco le informative pervenuteci il 28 marzo:

1) Ufficio Centrale ispettivo - Verifiche, per l’anno 2013, sui dipendenti del CNVVF, ai sensi dell’art. 1 della legge 23.12.1996 n. 662: Verifiche dipendenti anno 2013;
2) Bozza di circolare sulle direttive in merito alla certificazione da produrre in caso di assenza per malattia: Informativa assenze per malattia, Scheda notizie infermità;
3) Pasaggio della gestione del Cento Aviazione di Ciampino alla Direzione Regionale VVF del Lazio: Centro Aviazione Ciampino;
4) Ufficio affari legislativi e parlamentari – Bozza del Regolamento di disciplina del personale del CNVVF: Regolamento di disciplina 21 03 2014
La Segreteria